SERVIZI

SCOPRI I NOSTRI LAB

FISIOLAB

La valutazione funzionale consiste in un primo colloquio, durante il quale la dr.ssa Luzzi, fisioterapista e OMPT, ascolta le vostre problematiche e valuta quali potrebbero essere le cause. Poi esegue l’esame obiettivo per definire gli impairment fisici (rigidità, gonfiore) e funzionali (difficoltà movimento, comparsa di dolore); quindi con una serie di test la dr.ssa Luzzi è in grado di capire se il problema è di sua competenza e quale trattamento sarà più indicato nel vostro caso. 
Per la dr.ssa Luzzi questo è un passaggio di fondamentale importanza per la risoluzione del problema e per questo la prima seduta è dedicata alla valutazione e all’impostazione del piano di trattamento. 

La Terapia Manuale Ortopedica OMT (Orthopaedic Manual Therapy) è una specializzazione della fisioterapia per il trattamento delle patologie neuro-muscolo-scheletriche, basata sul ragionamento clinico, e che utilizza approcci di trattamento altamente specifici, che includono le tecniche manuali e gli esercizi terapeutici. La Terapia Manuale Ortopedica comprende, ed è guidata, dalle prove di efficacia cliniche scientifiche disponibili e dalla struttura biopsicosociale di ogni singolo paziente. 

La fisioterapia è un ramo della medicina riabilitativa che si occupa del recupero delle funzioni negli individui che sono stati colpiti da eventi traumatici o patologici che hanno determinato una qualche lesione invalidante, reversibile o permanente. Da un punto di vista etimologico il termine fisioterapia deriva dal greco ed è composto dall’unione di due parole fisio (natura) e terapia (cura).

Lo scopo di questa disciplina è quello di curare le principali patologie del sistema muscolo-scheletrico. Le terapie, a seconda dell’intensità, si possono applicare ad ogni stadio patologico: dall’acutissimo al cronico, dal pre al post operatorio. 

L’applicazione della fisioterapia può riguardare molteplici campi: si ricorre al fisioterapista in ginecologia, cardiologia, pneumologia, ma soprattutto in neurologia e ortopedia.

Il fisioterapista è un professionista della Sanità e lo diventa attraverso un percorso di studi e conseguendo una Laurea di I livello.

Egli può decidere sia di lavorare in equipe con il medico e le altre professioni sanitarie, sia autonomamente, sviluppando un rapporto direttamente con il paziente, valutando e trattando le disfunzioni presenti.

Prevede la totale presa in carico del paziente sia da un punto di vista motorio che psicologico, per gestire nel migliore dei modi questa delicata fase fondamentale per un recupero ottimale. Vengono forniti consigli per la gestione domiciliare, per la gestione dei trasferimenti, per le tempistiche di recupero e spiegazioni sulle procedure medico/fisioterapiche. Oltre a tutto questo vengono utilizzate le migliori tecniche per la gestione del dolore e per il recupero della funzione motoria nel rispetto delle tempistiche ortopediche.

La dr.ssa Luzzi collabora con ISICO – l’Istituto Scientifico Italiano Colonna Vertebrale dove si occupano di tutte le patologie della colonna vertebrale:

  • Scoliosi
  • Cifosi
  • Lombalgia (Mal di schiena)
  • Cervicalgia
  • Osteoporosi

ISICO si distingue per un modello di sanità all’avanguardia non solo nella quotidiana attività clinica, ma anche per il loro sforzo costante nella ricerca e formazione e per l’uso delle nuove tecnologie.
Questo significa favorire un approccio su basi scientifiche, ad alta specializzazione, per le patologie vertebrali. E questo approccio, si sposa perfettamente con la filosofia dello studio della dr.ssa Luzzi.

Per maggiori informazioni visitate il sito: https://isico.it/

La dr.ssa Luzzi è specializzata nella Riabilitazione della Sclerosi Multipla e del Morbo di Parkinson. 

NUTRILAB

Durante la prima consulenza viene effettuato un colloquio conoscitivo e l’anamnesi del paziente che prevede la
valutazione dello stile di vita, dell’attività fisica e delle abitudini alimentari.
Anamnesi:
Viene svolta un’anamnesi familiare, fisiologica e patologica oltre ad un’analisi ponderale. Verranno valutate le abitudini alimentari e gli alimenti graditi e non graditi.
Dati Antropometrici:
Rilevazione peso corporeo, statura, circonferenze corporee e calcolo BMI.
Valutazione impedenziometrica: tramite calcolo della massa magra, massa grassa, muscolo e massa cellulare metabolicamente attiva, stima del metabolismo basale tramite BIA 101.
Definizione degli obiettivi:
Dopo circa 7 giorni verrà consegnato il piano dietetico personalizzato in base alle necessità e alle condizioni fisiche, corredato da indicazioni nutrizionali e comportamentali di aiuto al programma intrapreso.

Potrebbe essere richiesta la compilazione di un diario alimentare da effettuare quotidianamente, che verrà discusso insieme durante la visita di controllo.

Verranno valutati e monitorati i cambiamenti nell’ottica di ottenere sempre migliori risultati! Verranno effettuati i progressi e delle difficoltà riscontrate. La dieta potrà essere ottimizzata e aggiornata.
Durante la visita verranno ripetute le misurazioni antropometriche e l’esame impedenziometrico (non obbligatorio ad ogni controllo) per avere una valutazione oggettiva dei cambiamenti della composizione corporea.

La Bioimpedenziometria (BIA) è una delle metodiche più attendibili e sicuramente la meno invasiva per valutare la composizione corporea e fornisce informazioni dettagliate sul livello di forma fisica e stato nutrizionale.
Nel caso del dimagrimento, se pensiamo al corpo come ad un modello semplificato composto da massa grassa e massa magra, è fondamentale essere sicuri che il calo di peso avvenga nella parte grassa del nostro corpo e non in quella magra.
Questo semplice esempio ci fa capire quanto sia importante l’analisi della composizione corporea.